14 Giugno

da | Giu 14, 2018 | Claret con te

«Non è faticoso né difficile lavorare quando si vede il grande frutto, il salario o la gratitudine che nasce dal lavoro. Nessuno ammira il lavoro del contadino perché si vede questo lavoro ricompensato con i frutti del campo o della vigna; lavorare invece senza alcuna utilità, ricompensa o salario, ma al contrario ricevere dal grande lavoro fatto solo ingratitudine, e nonostante questo lavorare con cura, infaticabilmente e costantemente fino a realizzare l’opera, questo richiede un eroe cristiano, ed è proprio di quelle anime che, anche se vivono nel mondo, non ricevono niente dal mondo, e in tutti i loro lavori non hanno altro fine che fare la volontà di Dio».
L’amante di Gesù Cristo, Barcellona 1848, p. 106

LAVORO INFATICABILE

Dove meglio si riflette la motivazione ultima del modo di vivere del Claret, quella che spiega il suo instancabile lavoro missionario, si trova in quella che si usa chiamare «preghiera apostolica». Fu nei Propositi del 1862 quando la scrisse per la prima volta e poi nella sua Autobiografia (n. 233): «Chiederò al Signore: Che lo conosca e lo faccia conoscere. Che lo ami e lo faccia amare. Che lo serva e lo faccia servire …» (AEC, p. 698)
Per poter lavorare instancabilmente e gratuitamente è necessario l’aiuto del Signore. Per questo lo si chiede. Non tutti abbiamo il temperamento attivo di Claret, ma tutti possiamo ricevere il dono della passione alla propria missione senza condizioni. Per questo à necessario, prima di tutto, conoscere Dio; conoscendolo, sarà possibile amarlo, e amandolo, sarà facile servirlo. Non si tratta di agire, ma di lasciarsi guidare.
Leggendo i Propositi che Claret fa’ nel 1857, per esempio, possiamo comprendere, in che cosa consisteva il suo lavoro in questa tappa della sua permanenza a Madrid: «Visiterò con molta frequenza gli ospedali, le prigioni e altre case e stabilimenti di beneficenza, e procurerò loro, gli aiuti spirituali e corporali che posso. Procurerò di fare il bene che posso agli ecclesiastici per mezzo delle conferenze letterarie e spirituali: dando loro libri, ecc…» (AEC p. 682). È come un servitore di Cristo: che fa unicamente quello che il suo amato chiede. I buoni servitori non si aspettano altra ricompensa che il gradimento che genera nel suo signore. Da questa prospettiva, non è difficile superare i momenti di scoramento che a volte ci prendono.
Basta pensare che, anche se nessuno resterà senza ricompensa, la maggior ricompensa è quella di aver servito un Signore così grande, dal quale abbiamo ricevuto quello che siamo e abbiamo. In fondo, lavorare per lui è consegnare qualcosa del molto che abbiamo ricevuto.

Categorie

Archivio

21 Dicembre

«Non mi stancavo mai di stare in Chiesa, davanti alla Madonna del Rosario, e le parlavo con tale confidenza, che ero convinto che la Santissima Vergine mi ascoltasse. Mi immaginavo un filo che partisse dall’immagine, davanti a cui pregavo, e arrivava fino in Paradiso....

20 Dicembre

«Se qualcosa ti fa soffrire o ti molestia, soffri tutto con rassegnazione pensando che il Signore ha disposto così. Se potete fare qualche elemosina, fatela per amore di Dio, vedendo nel prossimo e in modo speciale nei poveri l’immagine di Gesù. Non lascino passare il...

claretian martyrs icon
Clotet Year - Año Clotet
global citizen

Documents – Documentos