Sant’Antonio Maria Claret

Biografia di Sant’Antonio Maria Claret

Infanzia e giovinezza tra i telai

Tra i telai, Antonio Claret getta le basi della sua vita. Vive in una famiglia dedita alla produzione tessile e, a 17 anni, va a Barcellona per specializzarsi in questo campo, collocandosi al centro del boom industriale del XIX secolo.

Sallent

Antonio Juan Adjutor Claret Clará nacque a Sallent (Barcellona), a circa 15 km da Manresa, il 23 dicembre 1807, in una famiglia profondamente cristiana. Due giorni dopo, nella festa della Natività del Signore, i suoi genitori, Juan e Josefa, lo fanno battezzare nella chiesa parrocchiale di Santa Maria. Antonio è il quinto di undici figli, cinque dei quali muoiono prima del loro quinto compleanno. Cresce in una casa dedicata alla produzione di tessuti. Pochi mesi dopo la sua nascita, il ritmo dei telai viene rovinato dallo scoppio dell’invasione francese e della Guerra d’Indipendenza. L’atmosfera di violenza e insicurezza non lo travolge, anzi rafforza il suo temperamento infantile. Sebbene venga trasportato sulle spalle di qualcuno per sfuggire ai combattimenti durante i primi anni di guerra, quando ha solo quattro o cinque anni è abbastanza coraggioso da accompagnare e guidare l’anziano nonno che, essendo quasi cieco, è rimasto indietro nell’oscurità.

Il piccolo Anton trova pace e forza nell’amicizia con Gesù, che incontra nell’Eucaristia, e nella devozione alla Vergine Maria, la cui cappella a Fussimanya visita spesso con la sorella Rosa recitando il rosario. Il suo cuore di bambino è tenero e tocca il dolore degli altri. A cinque anni, pensa spesso alla miseria eterna di coloro che sono condannati. Questo sentimento lo rende desideroso di aiutare tutti a vivere secondo la volontà di Dio, evitando così la sofferenza eterna.

All’età di dodici anni sente la chiamata di Dio a diventare sacerdote, così suo padre lo mette a studiare il latino. Tuttavia, la scuola viene purtroppo chiusa per ordine del governo; così il padre lo mette a lavorare al telaio di famiglia. Consapevole del suo talento per la manifattura, si reca a Barcellona per seguire un corso di formazione nel settore tessile. Lavora e studia con una tale dedizione che presto diventa un’ossessione. Le sue preghiere diventano molto più brevi e meno entusiastiche rispetto a quelle della sua infanzia, anche se continua a partecipare alla Messa domenicale e a recitare regolarmente il rosario. A poco a poco dimentica il suo desiderio di essere un sacerdote, ma Dio lo sta guidando secondo i suoi piani.

La forza della Parola di Dio lo guida

Il giovane Antonio si interroga sulla sua identità. Tra le tante proposte per fondarla sul progresso e sul successo, la Parola di Dio lo muove, lo trasferisce e lo mette sulla strada della sequela di Gesù missionario.

Vivendo a Barcellona subisce alcune dure delusioni: il tradimento di un amico che deruba lui e altri, la seduzione di una donna che cerca di convincerlo a soddisfare le sue passioni e, soprattutto, lo shock di essere sul punto di annegare in mare. Il giovane Antonio sperimenta la vicinanza della Vergine Maria, che lo protegge nelle tentazioni e lo salva dalla morte, e la potenza della Parola di Dio che sconvolge il mondo confortevole dei suoi progetti e dei suoi sogni di successo. Il testo del Vangelo “Che cosa ci guadagnerà uno a conquistare il mondo intero, se poi distrugge se stesso?”. (Mth16, 26) scuote la sua coscienza. Nonostante alcune offerte di aprire una propria fabbrica, rifiuta di soddisfare i desideri del padre e decide di abbandonare tutto per diventare un certosino.

Entra nel seminario di Vic a 22 anni, senza abbandonare la sua intenzione di farsi monaco. L’anno successivo, mentre si recava alla Cartuja de Montealegre, un raffreddore preso sotto un forte temporale lo costrinse a ritirarsi e i suoi sogni di vita ritirata iniziarono a svanire. Continua gli studi in seminario a Vic. In quel periodo subisce una forte tentazione contro la castità, nella quale riconosce la materna intercessione della Vergine Maria in suo favore e soprattutto la volontà di Dio, che lo vuole missionario, evangelista.

Vic Cathedral

Anche se non aveva completato gli studi teologici, il 13 giugno 1835 fu ordinato sacerdote perché il suo vescovo, Paolo di Gesù Corcuera, vide qualcosa di straordinario nella sua personalità. Rimane quattro anni a Sallent, dove completa gli studi e frequenta la parrocchia della sua città natale. La forza della Parola di Dio lo sconvolge di nuovo; questa volta, lascia la comodità della parrocchia e segue la chiamata ad evangelizzare come missionario. La situazione politica della Catalogna, divisa dalla guerra civile tra liberali e carlisti, e la situazione instabile della Chiesa sotto la costante pressione dei governanti, non lasciano ad Antonio altra soluzione che lasciare la sua patria e offrire i suoi servizi direttamente a Propaganda Fide, all’epoca incaricata del compito di evangelizzazione in tutto il mondo.

Dopo un viaggio pieno di pericoli, arriva finalmente a Roma. Si prende qualche giorno libero per fare esercizi spirituali con i gesuiti. Il direttore lo incoraggia a fare domanda per entrare nella Compagnia di Gesù. All’inizio del 1840, quattro mesi dopo aver iniziato il noviziato, soffre di un forte dolore alla gamba destra che gli impedisce di camminare. La mano di Dio si fa sentire. Il padre generale dei gesuiti, Jan Roothaan, dice risolutamente: “È volontà di Dio che tu torni presto in Spagna; non temere, tirati su”.

Missionario con un fagotto in Catalogna e nelle Isole Canarie

Una Bibbia, un cambio di vestiti e una mappa è tutto ciò che conteneva il fagotto che portava con sé nei suoi innumerevoli viaggi missionari. Povero e a piedi, attraversò la Catalogna e le Isole Canarie; tutti lo riconoscevano per la sua povertà, il suo stile amichevole e la sua passione missionaria.

Tornato in Catalogna, il vicario capitolare della diocesi di Vic, Luciano Casadevall, lo invia nella parrocchia di Viladrau. Lì, in assenza di medici e grazie alla sua conoscenza del potere curativo delle piante delle montagne del Montseny, serve giustamente i malati e acquisisce fama di guaritore. Poiché la sua preoccupazione missionaria è ancora viva, il 15 agosto 1840 decide di svolgere la sua prima missione popolare. Poiché la parrocchia è ben assistita, può andare a predicare le missioni nei villaggi vicini. Il suo superiore, consapevole della sua vocazione apostolica e dei frutti della sua predicazione, lo libera dal servizio parrocchiale e gli permette di dedicarsi alle missioni. Dal gennaio 1841 si trasferisce a Vic e si dedica completamente ad attraversare i diversi villaggi della diocesi. Per la comunione con la gerarchia e le facoltà pastorali coinvolte, chiede alla Propaganda Fide il titolo di “Missionario Apostolico” che riempie di contenuti spirituali e apostolici.

Vista Da Matagalls Su Una Parte Della Catalogna

Cammina per gran parte della Catalogna tra il 1843 e il 1848, predicando la Parola di Dio, sempre a piedi, senza raccogliere denaro o doni per il suo ministero. Questo lo spinge a imitare Gesù Cristo e gli apostoli. Nonostante la sua neutralità politica, subirà presto persecuzioni e calunnie da parte di chi lo accusa di favorire i partiti più conservatori. In ogni località, predica le missioni al popolo e conduce ritiri per sacerdoti e religiosi. Ben presto scopre che anche altri mezzi di apostolato possono aiutarlo a garantire l’efficacia e la continuità dei frutti delle missioni: libri di preghiere pubbliche, catechismi e stampe destinate a sacerdoti, suore, bambini, giovani, sposati, genitori, ecc. Nel 1848 fonda la Biblioteca Religiosa, una casa editrice che nei suoi primi diciotto anni lancia 2.811.100 copie di libri, 2.509.500 di libretti e 4.249.200 opuscoli.

Come mezzo efficace per la perseveranza e il progresso nella vita cristiana fonda o promuove confraternite religiose, tra cui la Confraternita del Cuore Immacolato di Maria, e scrive il libro “Figlie del Cuore Beato e Immacolato di Maria”, che alla fine ispirerà la nascita dell’istituto secolare di affiliazione cordimariana.

Non potendo continuare a predicare in Catalogna a causa dello scoppio della Seconda Guerra Carlista, il suo superiore lo invia alle Isole Canarie. Dal febbraio 1848 al maggio dell’anno successivo, copre la maggior parte dell’isola di Gran Canaria e due località dell’isola di Lanzarote. Colloquialmente, viene presto chiamato “el Padrito“. È diventato così popolare che è co-patrono della diocesi di Las Palmas, insieme alla Virgen del Pino.

Vescovo missionario a Cuba

Una volta consacrato vescovo, rimane missionario. Con il personale del Buon Pastore, visita la sua diocesi tre volte. Consegna il pane della Parola, della cultura e della dignità umana. Viene perseguitato e versa il suo sangue per servire Dio e i poveri.

Tornato in Catalogna, il 16 luglio 1849 fonda in una cella del seminario di Vic la Congregazione dei Figli Missionari del Cuore Immacolato di Maria. La grande opera di Claret inizia umilmente con cinque sacerdoti dotati dello stesso spirito del Fondatore. Pochi giorni dopo, l’11 agosto, Mossen Anton conosce la sua nomina ad Arcivescovo di Santiago de Cuba. Nonostante le sue resistenze e le sue preoccupazioni per la Biblioteca Religiosa e la Congregazione dei Missionari appena fondata, viene costretto ad accettare l’incarico per obbedienza. Viene consacrato vescovo il 6 ottobre 1850, nella Cattedrale di Vic.

Claret En Cuba (Pelicula Claret)

La situazione sull’isola di Cuba è deplorevole: sfruttamento e schiavitù, immoralità pubblica, insicurezza familiare, disaffezione alla Chiesa e soprattutto progressiva scristianizzazione. Al suo arrivo, il nuovo arcivescovo capisce che la cosa più necessaria è intraprendere un’opera di rinnovamento della vita cristiana e promuove una serie di campagne missionarie, alle quali partecipa, portando la Parola di Dio in tutti i villaggi. Dà al suo ministero episcopale un significato missionario. In sei anni ha visitato la maggior parte della sua vasta diocesi tre volte. Si preoccupa del rinnovamento spirituale e pastorale del clero e della fondazione di comunità religiose. Per l’educazione dei giovani e la cura delle istituzioni assistenziali riesce a far stabilire sull’isola gli Escolapios, i Gesuiti e le Figlie della Carità; insieme a M. Antonia Paris fonda il 27 agosto 1855 il convento delle Suore di Maria Immacolata o Missionarie Clarettiane. Combatte contro la schiavitù, crea una scuola agricola per i bambini poveri, istituisce una cassa di risparmio con un marcato carattere sociale, fonda biblioteche popolari, scrive due libri sull’agricoltura, ecc. Un’attività così intensa e diversificata comporta scontri, calunnie, persecuzioni e attacchi alla sua persona. Subisce un attacco a Holguin, il 1° febbraio 1856, che gli costa quasi la vita. Questo gli procura la gioia dei martiri che hanno versato il loro sangue per Cristo.

Reale Confessore e apostolo a Madrid e in Spagna

Anche se si sente come un uccello in gabbia, gli anni trascorsi a Madrid sono della massima maturità umana, spirituale e apostolica. La sua influenza evangelizzatrice raggiunge tutta la penisola e il Vangelo permea la cultura popolare del suo tempo con i suoi scritti e le sue iniziative.

La regina Isabella II lo sceglie personalmente come suo Confessore nel 1857 e quindi deve trasferirsi a Madrid. Deve recarsi a palazzo almeno settimanalmente per esercitare il suo ministero di confessore e occuparsi dell’educazione cristiana della principessa Isabella e del principe Alfonso e delle principesse che nasceranno negli anni successivi. Grazie alla sua influenza spirituale e alla sua determinazione, la situazione religiosa e morale della Corte sta gradualmente cambiando. Vive in modo semplice e povero.

Gli standard del palazzo non soddisfano né il tempo né lo spirito apostolico dell’arcivescovo Claret: esercita un’intensa attività in città, predica e confessa, scrive libri, visita prigioni e ospedali. Approfitta dei viaggi reali con i Re di Spagna per predicare ovunque. Promuove l’Accademia di San Miguel, un progetto che mira a riunire intellettuali e artisti per “associarsi per promuovere le scienze e le arti sotto l’aspetto religioso, unendo i loro sforzi per combattere gli errori, diffondere buoni libri e buone dottrine”. “

Claret En Palacio

Nel 1859 la Regina lo nomina Protettore della chiesa e dell’ospedale di Montserrat, a Madrid, e Presidente del monastero di El Escorial. La sua gestione di questa istituzione non può essere più efficace e più ampia: restauro dell’edificio, recupero di campi produttivi per il finanziamento, equipaggiamento della chiesa, creazione di una corporazione di cappellani, di un seminario interdiocesano, di un collegio di istruzione secondaria e dei primi corsi di un’università.

Una delle sue maggiori preoccupazioni sarà quella di dotare la Spagna di vescovi idonei e pienamente dedicati alla loro missione e di proteggere e promuovere la vita consacrata; a questo proposito, influenza spiritualmente diversi fondatori e aiuta molte nuove congregazioni religiose a regolarizzare la loro situazione civile ed ecclesiastica.

Cerca costantemente di mantenere la sua indipendenza e neutralità politica, cosa che gli procura numerose faide. Diventa il bersaglio dell’odio e della vendetta di molti: “Nonostante abbia sempre proceduto con grande cautela in questo campo – si riferisce ai favoritismi -, non sono sfuggito ai pettegolezzi”, afferma. La sua unione con Gesù Cristo raggiunge il culmine nella grazia della conservazione delle specie sacramentali, concessa a La Granja (Segovia) il 26 agosto 1861.

Il cammino finale verso la Pasqua

Dopo aver predicato a Parigi e a Roma, sente di aver compiuto la sua missione. Malato, calunniato e perseguitato, rende il suo spirito sulla croce dell’esilio. Lui che ha cercato di imitare il suo Signore in ogni momento, alla fine ha percorso il suo cammino pasquale.

In seguito alla rivoluzione del settembre 1868, va in esilio con la Regina. A Parigi, continua il suo ministero con la Regina e il Principe delle Asturie, fonda le Conferenze della Sacra Famiglia e si prodiga in molte attività apostoliche, soprattutto per gli immigrati.

Nell’aprile del 1869, in occasione della celebrazione del giubileo d’oro del sacerdozio di Papa Pio IX e dei lavori preparatori del Concilio Vaticano I, saluta la famiglia reale e si trasferisce a Roma, dove vive nel convento di San Adriano, i Mercedari. Al Concilio interviene con passione a favore dell’infallibilità papale.

Claret Vatican I Scaled

Dopo le sedute, con una salute piuttosto cagionevole e con il presentimento della sua morte, si trasferisce nella comunità che i missionari esiliati dalla Spagna hanno stabilito a Prades (Francia). Lì arrivano i suoi inseguitori, che cercano di arrestarlo e di portarlo in Spagna per il processo. Pertanto, è costretto a fuggire come un criminale e a rifugiarsi nel monastero cistercense di Fontfroide, vicino a Narbonne. In questo monastero nascosto, circondato dall’amore dei monaci e di alcuni dei suoi missionari, muore, a 62 anni e 10 mesi di età, il 24 ottobre 1870.

0544 Scaled

Le sue spoglie vengono trasferite a Vic nel 1897. Viene beatificato da Papa Pio XI il 25 febbraio 1934 e canonizzato da Papa Pio XII il 7 maggio 1950.

Attuale Tomba Di Claret A Vic, Spagna

Canonizzazione Di Claret

 

St Anthony Mary Claret

AUTOBIOGRAFIA

docx

CA Autobiografia

Size: 277.28 KB
Hits: 94
Date added: 18 - 10 - 2022
pdf

CA Autobiografia

Size: 959.48 KB
Hits: 118
Date added: 18 - 10 - 2022
pdf

DE Autobiographie 2002

Size: 2.23 MB
Hits: 86
Date added: 18 - 10 - 2022
pdf

DE Autobiographie 2008

Size: 3.66 MB
Hits: 69
Date added: 18 - 10 - 2022
pdf

EN Autobiography - Bicentennial

Size: 6.21 MB
Hits: 97
Date added: 18 - 10 - 2022
docx

EN Autobiography - Bicentennial

Size: 1.24 MB
Hits: 64
Date added: 18 - 10 - 2022
docx

EN Autobiography 1976

Size: 381.48 KB
Hits: 47
Date added: 18 - 10 - 2022
pdf

EN Autobiography 1976

Size: 1.60 MB
Hits: 72
Date added: 18 - 10 - 2022
doc

EN Autobiography 2008

Size: 3.16 MB
Hits: 46
Date added: 18 - 10 - 2022
docx

ES Autobiografia - 2008

Size: 8.18 MB
Hits: 83
Date added: 18 - 10 - 2022
pdf

ES Autobiografia - 2008

Size: 16.02 MB
Hits: 83
Date added: 18 - 10 - 2022
pdf

FR Autobiographie

Size: 2.74 MB
Hits: 69
Date added: 18 - 10 - 2022
docx

FR Autobiographie

Size: 667.09 KB
Hits: 45
Date added: 18 - 10 - 2022
docx

IT Autobiografia 1991

Size: 342.71 KB
Hits: 40
Date added: 18 - 10 - 2022
pdf

IT Autobiografia 1991

Size: 1.41 MB
Hits: 69
Date added: 18 - 10 - 2022
docx

PT Autobiografia - Brazil 2007

Size: 268.51 KB
Hits: 34
Date added: 18 - 10 - 2022
pdf

PT Autobiografia - Brazil 2007

Size: 1.14 MB
Hits: 55
Date added: 18 - 10 - 2022
pdf

PT Autobiografía - Brás Lorenzetti

Size: 1.62 MB
Hits: 56
Date added: 18 - 10 - 2022
docx

PT Autobiografía - Brás Lorenzetti

Size: 336.91 KB
Hits: 36
Date added: 18 - 10 - 2022
docx

VN Giới thiệu cho Tự truyện

Size: 53.09 KB
Hits: 34
Date added: 18 - 10 - 2022
pdf

VN Giới thiệu cho Tự truyện

Size: 941.48 KB
Hits: 60
Date added: 18 - 10 - 2022