Camminare insieme: Pellegrinaggio al Santuario di Sant’Anna di Beaupré a Quebec City con Papa Francesco

Ago 3, 2022 | USA - Canada

Città di Québec, Canada. Per adempiere a una delle chiamate all’azione della Commissione per la Verità e la Riconciliazione del Canada (CVR) rivolte alla Chiesa, Papa Francesco ha compiuto il suo 37° Viaggio Apostolico in Canada dal 24 al 30 luglio 2022, per presentare personalmente le scuse sulla terra dei popoli indigeni. In questo modo, ha adempiuto alla chiamata all’azione numero 58.

Sì, con un gruppo di 12 pellegrini (3 persone della Missione di Santa Kateri, TFN & 9 persone della Missione di Sant’Anna di Winneway), abbiamo fatto il nostro pellegrinaggio al Santuario di Sant’Anna (più di 1000 km) il 27 luglio da New Liskeard. Abbiamo saputo che c’era un gruppo di 12 pellegrini della Missione di Santa Clothilde di Kitcisakik.

Il 28 luglio abbiamo partecipato alla Messa celebrata da Papa Francesco al Santuario. Nell’omelia ha ribadito le sue scuse e ha invitato tutti a camminare insieme sulla strada della speranza, della guarigione e della riconciliazione. Per i pellegrini è stata un’esperienza piena di grazia e di gioia trovarsi all’interno del santuario e partecipare attivamente alla Messa. Ci sarebbe piaciuto avere dei posti riservati, ma alla fine non è stato possibile, quindi eravamo un po’ dispersi e anche tristi. Con noi c’erano anche alcuni sacerdoti clarettiani e P. Luc Ngonda-Nkoy Losalia. Abbiamo avuto la possibilità di incontrare il premier del Quebec, Francois Legault, e il primo ministro del Canada, Justin Trudeau, prima dell’inizio della Santa Messa. All’interno del santuario c’erano circa 1.200 persone e la popolazione era mista, indigeni e non indigeni. All’esterno del Santuario c’erano circa 5.000-6.000 persone.

La sera, Padre Luc e io abbiamo avuto l’opportunità di assistere ai vespri, ai quali ha partecipato anche Papa Francesco. È stata un’esperienza molto toccante perché abbiamo avuto la possibilità di vederlo da vicino mentre pregava sulla tomba di San Francesco di Laval. Il suo messaggio è stato uno dei migliori di tutti i suoi viaggi apostolici in Canada, che è il suo 37°. Nel suo messaggio, per la prima volta durante la sua visita, si è scusato per gli abusi sessuali commessi su minori in Canada. Ha raccontato che tre donne lo hanno ispirato e accompagnato durante il suo viaggio: la Beata Vergine Maria, Sant’Anna e Santa Kateri Tekakwitha. Ha iniziato la sua visita apostolica a Edmonton, è passato per il Quebec e si è concluso a Iqaluit. In questo modo ha potuto dimostrare la sua vicinanza e ribadire le sue scuse a tutti i popoli indigeni di questa terra chiamata Canada: Innuit (esquimos), First Nations e Metis Nation (1,5 milioni, pari al 5% della popolazione canadese). Abbiamo avuto l’opportunità di incontrare il nostro vescovo Guy Boulanger e altri vescovi e questa è stata una benedizione per noi. Al ritorno, abbiamo avuto l’opportunità di incontrare P. Remi Cadieux, che lavora da quasi 36 anni tra la gente di TFN & LPFN. Era pieno di gioia e di emozioni, e anche noi lo eravamo.

Queste sono alcune parole che ha usato nei suoi messaggi e che dovremmo portare nel nostro cuore per meditare e continuare a camminare insieme: Memoria, perdono, nonni, storia, multiculturalismo, inclusione, guarigione, speranza, riconciliazione, giovani, cultura, futuro, verità, giustizia, grazia di Dio e lavorare insieme.

Alcune delle immagini che ha utilizzato nei suoi messaggi: Mocassini, albero, teepee, tamburi, acqua, abiti nativi, fiori di giglio, foglie d’acero, stelle, GPS e hockey su ghiaccio.

La visita di Papa Francesco mi ha permesso di rafforzare la mia fede, avvicinandomi a Dio in un modo che non so spiegare. Non ho avuto modo di vedere il Santo Padre da vicino, ma ho potuto assistere alla Messa nel Santuario di Sant’Anna di Beaupré. Credo che questa visita sia un passo positivo verso la guarigione delle popolazioni indigene. Come membro della comunità cattolica e come indigeno, mi sento davvero benedetto per aver avuto l’opportunità di partecipare a questo pellegrinaggio. Ringrazio Padre Reegan e tutti gli altri per aver organizzato questo viaggio.

Louise Ruttan
Ucca 20220724 With Pope Francis 17 Scaled

Per quanto mi riguarda è stata un’esperienza molto bella, mi sono sentita così benedetta quando il Papa è venuto nella nostra terra natia, grazie di tutto, e ora tocca alle popolazioni residenziali accettare il suo perdono e andare avanti nella vita, non ho nulla contro le altre persone religiose perché siamo tutti in questo insieme.

Marie Connie O’Gushing

Ringraziamo il nostro amato Vescovo Guy Boulanger per tutta la sua guida nell’organizzazione di questo pellegrinaggio e i Missionari Clarettiani di Victorville, P. Percy Diaz e Vincente per la loro gentilezza e generosità nel preparare le camere, le colazioni e la collazione per tutti noi. Ringraziamo la banda della LPFN che ha pagato completamente l’autobus con il fondo ricevuto dal governo per la visita del Papa.

Continuiamo a implorare la grazia dell’unico Dio Creatore affinché possiamo continuare a camminare insieme con apertura, umiltà, fraternità e solidarietà. Kitchi Meegwetch/ Grazie mille.

P. Jegan Joans Reegan S., CMF

Categorie

Archivio

Un nuovo podcast da U.S. Catholic Magazine

Un nuovo podcast da U.S. Catholic Magazine

Chicago, Stati Uniti. U.S. Catholic Magazine debutterà un nuovo podcast la prossima settimana, mercoledì 16 febbraio 2022, chiamato + Field Hospital, che si concentra sul lavoro di Papa Francesco per guarire la Chiesa. Ti invitiamo a connetterti e ascoltare. A partire...

claretian martyrs icon
Clotet Year - Año Clotet
global citizen

Documents – Documentos