MESSAGGIO FINALE DEL PADRE GENERALE DURANTE L’INCONTRO DEL GOVERNO GENERALE CON I SUPERIORI MAGGIORI IN CILE

Gen 21, 2020 | Bacheca, Governo Generale, Mathew Vattamattam, XXVI Capitolo Generale

Cari confratelli:

Abbiamo fatto questo itinerario insieme la scorsa settimana esplorando, in un contesto di preghiera, riflessione e dialogo fraterno, come preparare il prossimo XXVI Capitolo Generale che si terrà nel 2021. Abbiamo usato l’approccio di indagine di apprezzamento e conversazioni oneste in gruppo per raccogliere i frutti di questo incontro.

Fissando lo sguardo sul futuro, iniziamo da dove siamo in termini di nostra vita e missione. Abbiamo citato alcuni dei nostri disturbi individuali e comunitari che minano la nostra energia apostolica e ci affliggono quando non siamo radicati nel nostro carisma e ci distraiamo da ciò che è essenziale e importante per la nostra vita e missione comuni. Abbiamo fatto un discernimento congiunto della chiamata di Dio verso di noi nel mondo di oggi. Abbiamo ascoltato il grido della gente nelle varie periferie della vita umana, così come il nostro grido interiore di autenticità e coerenza nella vita missionaria. Abbiamo sognato insieme il sogno di Dio con noi, i missionari clarettiani del nostro tempo. Non esiste sogno migliore per un missionario clarettiano di quello che padre Claret ha sognato per noi nella definizione del missionario. E noi articoliamo quel sogno nella realtà del nostro tempo.

Dopo questa esplorazione preliminare che abbiamo svolto congiuntamente, ci siamo concentrati su ciò che dicono le nostre Costituzioni sul Capitolo Generale e abbiamo assunto la nostra responsabilità condivisa di mettere la nostra intera Congregazione su un percorso comune di preparazione per il prossimo Capitolo Generale agosto-settembre 2021. Abbiamo tracciato un itinerario realistico che coinvolge non solo i missionari clarettiani, ma anche la Famiglia Clarettiana e i nostri collaboratori. Nella fase preparatoria, è importante anche ascoltare le voci delle persone che possono offrire punti di vista sul nostro invio alla missione e aiutarci a vedere le cose anche da prospettive che non conosciamo. Tutti noi, il Governo Generale e i Superiori Maggiori, abbiamo un compito serio da svolgere al posto nostro con i frutti di questo incontro. La prima cosa da fare è sensibilizzare i propri Consigli di Governo, con la nostra creatività, a questo incontro.

Come riassunto, mi piacerebbe condividere con voi alcuni punti prima di ritornare alle nostre case.

  1. Un approccio dal basso verso l’alto: il Capitolo non è qualcosa che si svolge molto lontano, a Roma, nell’anno 2021, al quale voi e / o altri rappresentanti parteciperete per eleggere il Governo Generale e tornare con un documento capitolare. È un evento della Congregazione di cui voi amereste che tutti i vostri Organismi Maggiori si sentano parte e contribuiscano in modo creativo ad esso. Pertanto, il Capitolo avrà alla base l’odore delle pecore, il tocco delle vere preoccupazioni legate alla nostra vita e missione.
  2. Un approccio esperienziale e narrativo: il bisogno del nostro tempo è più un bisogno di testimoni e santi che di ideologi e idealisti. Il nostro modo di preparare e celebrare il Capitolo deve essere una testimonianza della nostra vita e missione nella Chiesa. Ciò richiede un approccio di tutta la persona che comprometta tutti i poteri della persona del missionario clarettiano invece di limitarsi principalmente a concetti e pensieri. L’approccio narrativo tipico della proclamazione del kerigma evangelico sarebbe utile per camminare come comunità congregazionale che celebra il Capitolo.
  3. Un evento sinodale: il Capitolo è un evento di discernimento collettivo in cui tutti i membri partecipano responsabilmente in ciascuna fase secondo i rispettivi ruoli. Il ruolo delle comunità locali e delle diverse piattaforme apostoliche è molto cruciale durante la fase preparatoria.
  4. Consapevolezza del carisma: approfittando delle diverse commemorazioni (150 anni di presenza clarettiana in America, 150° anniversario della Pasqua del Padre Claret), la preparazione e la celebrazione del Capitolo devono essere una crescita collettiva nella consapevolezza del nostro patrimonio carismatico. Quindi l’amore del nostro carisma qualificherà la nostra preparazione e celebrazione del Capitolo che, a sua volta, ci aiuterà ad amare di più la nostra vita e missione.
  5. Consapevolezza della missione: la nostra ragione per essere nella Chiesa è la Missio Dei. Nel recente passato ci sono state serie riflessioni sulla missione della Chiesa di promuovere un’era di Nuova Evangelizzazione nel mondo. La nostra preparazione del Capitolo dovrebbe essere un’occasione per approfondire il senso dello scopo della Congregazione e sintonizzare tutte le nostre attività con il “perché” della nostra esistenza in ogni contesto.
  6. Opera dello Spirito: in ogni fase del Capitolo, dobbiamo tenere presente che siamo collaboratori e co-creatori con lo Spirito Santo che guida la Chiesa e la Congregazione nella storia. Non sostituiremo mai la centralità e la creatività dello Spirito Santo nel processo del Capitolo con le nostre manovre umane e tecniche. Il nostro Fondatore conosceva molto bene quest’arte. È nella preghiera e nell’adorazione che siamo in sintonia con lo Spirito di Cristo. Dovremmo essere in grado di dire del processo del Capitolo che “lo Spirito Santo e noi” l’abbiamo fatto come San Luca narra dell’atteggiamento della Chiesa primitiva (Atti 15).

Nella fase di preparazione del Capitolo Generale, un’immagine che viene in mente è il modo con cui un coreografo prepara il suo gruppo attraverso un doppio movimento. Lui stesso agisce come parte del gruppo per sincronizzare i movimenti degli attori in base alla musica all’interno del gruppo e, occasionalmente, si muove per avere una visione distanziata. Dobbiamo guardare al modo in cui viviamo e svolgere la missione con consapevolezza e, occasionalmente, passare ad esplorare come la nostra vita e missione sono presentate agli altri.

Una metafora appropriata per il nostro lavoro è quella di un’orchestra in cui il direttore e centinaia di artisti raccolgono i loro migliori talenti per presentare una sinfonia al mondo. Guidati dallo Spirito di Cristo, dobbiamo condividere tutti i nostri talenti e doni e suonare la musica del nostro carisma, una narrazione dell’amore di Dio per il mondo, data alla Chiesa attraverso il nostro Fondatore San Antonio María Claret.

Infine, abbiamo condiviso alcune delle questioni congregazionali relative alla protezione dei minori e delle persone vulnerabili e diverse iniziative per incoraggiare i processi di trasformazione della Congregazione. Le varie questioni che affrontiamo nel nostro ambito (nelle nostre relazioni, gestione delle risorse, disponibilità per la missione della Congregazione, ecc.), nella Chiesa e nel mondo, ci sfidano a essere testimoni e messaggeri credibili del Vangelo oggi. Dobbiamo fare tutto il possibile per garantire responsabilità, rendimento e trasparenza nel modo con cui gestiamo le questioni a tutti i livelli della Congregazione.
Perciò, mettiamo radici in Cristo e abbiamo l’audacia di camminare nella direzione che lo Spirito guida la nostra Congregazione.

Affido la nostra preparazione e celebrazione al Cuore Immacolato della nostra Madre benedetta perché illumini e accompagni i suoi figli con la sua saggezza e amore materno.

 

Mathew Vattamattam, CMF

Superiore Generale

Talagante, 20 gennaio 2020

Categorie

Archivio

La Croce del Sud

La Croce del Sud

"È la costellazione più piccola dell'emisfero meridionale e permette ai naviganti e ai viaggiatori di orientare la loro rotta nel sud del mondo". La nostra giornata è iniziata con la preghiera delle Lodi animata dai nostri fratelli di ASCLA West (Clarettiani...

Il multiverso della missione clarettiana oggi

Il multiverso della missione clarettiana oggi

Inizia un nuovo giorno a Nairobi; è una bella giornata di sole. I fratelli di ACLA animano l'adorazione e l'Eucaristia. Con San Giovanni Crisostomo, ci rallegriamo per l'anniversario della professione perpetua del nostro fratello Henry Omonisaye. Nell'omelia ci viene...

claretian martyrs icon
Clotet Year - Año Clotet
global citizen

Documents – Documentos