XXVI Capitolo Generale. Discorso di apertura del P. Generale

Ago 16, 2021 | Bacheca, Capitoli Generali, La Congregazione, XXVI Capitolo Generale

Cari confratelli,

Come i discepoli che si sono avvicinati a Emmaus con il Signore al loro fianco (cfr Lc 24,13-35), anche noi siamo partiti per il XXVI Capitolo Generale. La tempesta della pandemia globale ci ha colto tutti di sorpresa. Ci sono stati momenti di oscurità, ansia e incertezza che hanno afflitto molti di noi.

Dal punto di vista della fede, è meraviglioso andare avanti, anche al buio, sapendo che la mano del Signore ci sostiene, come un padre amorevole che tiene stretto suo figlio mentre attraversa un pericoloso cammino.

La nostra Congregazione è un dono che lo Spirito concede alla Chiesa per condividere la sua missione attraverso il carisma del nostro Fondatore. La nostra ragion d’essere come clarettiani si trova solo nella nostra fedeltà al carisma e nel suo aggiornamento e rinnovamento permanente nelle diverse epoche.

Mettiamoci nel momento presente della nostra storia ad assumerci la responsabilità di vivere oggi il nostro carisma, sapendo che le generazioni passate hanno fatto una buona carriera e ci hanno lasciato in eredità una grande forza carismatica. Ora spetta a noi essere all’altezza di ciò che siamo chiamati ad essere in un momento di profondo cambiamento e trasmettere la luce del nostro carisma alle generazioni a venire.

Sei anni fa, in un evento congregazionale simile a questo, il Signore ci chiese di intraprendere una strada di trasformazione in modo da poter essere rilevanti nel nostro tempo. Sappiamo come il breve incontro con Papa Francesco e il suo invito ad “adorare, camminare e accompagnare” abbia avuto un impatto sull’ultimo Capitolo Generale e sulle sue deliberazioni.

In questi sei anni ci siamo concentrati sui tre processi di trasformazione: essere Congregazione in partenza, comunità di testimoni e messaggeri e adoratori di Dio nello Spirito.

Il Governo Generale prese sul serio l’invito alla trasformazione e ne fece la base del suo servizio di animazione nella Congregazione.

Sono grato al Signore per il gruppo del Governo Generale. È un team dotato di diversi doni, abilità e tratti della personalità. Siamo riusciti a creare un ampio spazio in cui le differenze arricchiscono il nostro ministero.

I valori evangelici e il bene della Congregazione, piuttosto che gli interessi e i gusti particolari di uno qualsiasi dei suoi membri, hanno guidato il processo di discernimento. In larga misura, il detto sapiente “dobbiamo fare i cambiamenti che ci sembrano necessari”, è stato sempre presente nella nostra etica di lavoro.

Sono grato per l’accompagnamento ricevuto dai miei predecessori, in particolare da Monsignor Josep Maria Abella e Sua Eminenza il Cardinale Aquilino Bocos. Ho apprezzato le loro opinioni quando abbiamo dovuto prendere decisioni difficili. Anche il compianto P. Gustavo Alonso era presente nel nostro percorso attraverso le sue email, in cui ha espresso i suoi desideri in occasioni importanti, fino alla sua morte lo scorso giugno.

Il libero flusso di energia carismatica all’interno della Congregazione che ha alimentato la nostra presenza nelle periferie dipende molto dalla qualità dei rapporti che si vivono all’interno degli Organismi Maggiori e di questi con il Governo Generale. Cristo deve occupare il centro di tutto e il tenero amore del Cuore di Maria deve qualificare il nostro modo di amare.

Ogni clarettiano è un dono prezioso per la nostra comunità carismatica. Quando vedo come i genitori si prendono cura dei loro figli, immagino come ognuno di noi sia stato curato dai nostri genitori con molti sacrifici. Lasciano che i loro figli partano da casa per far parte della nostra comunità missionaria. Lo hanno fatto per amore di Dio e della Chiesa.

La nostra vocazione missionaria, il progetto di Dio per noi nella Chiesa nell’ambito del suo piano generale per l’umanità, è l’unica ragione di tutti gli sforzi e sacrifici che la nostra vita e la nostra missione comportano. La nostra vocazione è fonte della nostra gioia e del nostro senso della vita, della comunione nella comunità e della dedizione vitale nel ministero.

Ognuno di noi vive la nostra esperienza di chiamata, la nostra vita fraterna e il nostro apostolato a diversi livelli di maturità e coerenza. Quanto sono orgoglioso dei miei confratelli quando le persone parlano di quanto siano grati per il loro ministero! I nostri confratelli che subiscono dure prove per essere fedeli alla loro vocazione sono tesori della nostra Congregazione.

Al contrario, è straziante conoscere situazioni in cui i limiti e i peccati dei nostri confratelli feriscono le persone o causano sofferenza e divisione nella comunità. Tuttavia, i nostri limiti, fallimenti e peccati possono trasformarsi in benedizioni se entrano nella logica del mistero pasquale, che richiede di essere disposti ad imparare dalle nostre esperienze e lasciare che il Signore agisca su di noi.

Possiamo essere una comunità veramente profetica nella Chiesa quando i valori della fiducia, del dialogo fraterno, dell’accompagnamento reciproco e del discernimento spirituale fanno parte della nostra vita quotidiana a tutti i livelli.

Nella Chiesa abbiamo tre principi che guidano la nostra vita comune: sinodalità, collegialità e gerarchia.

La sinodalità rafforza la responsabilità collettiva della nostra vita e della nostra missione e impedisce l’attrito dei leader; la collegialità garantisce il lavoro di squadra e previene gli abusi e gli eccessi delle persone; la gerarchia aiuta a mantenere l’unità e la direzione, ed evitare dispersione e anarchia.

I principi di sussidiarietà, subordinazione e collaborazione nella nostra vita e nella nostra missione contengono i legittimi limiti della libertà d’azione e promuovono la creatività in una missione condivisa. Solo se siamo ancorati all’amore evangelico è possibile il giusto equilibrio di questi principi.

Si dice che ci troviamo in un’altra grande svolta nella storia segnata da un cambiamento di epoca. La vita ecclesiale e, in particolare, la vita consacrata, stanno vivendo in molti modi l’impatto di questo cambiamento. Sappiamo che il cambiamento è sconcertante per molte persone.

Possiamo scegliere di essere ciechi ai cambiamenti che si verificano e rimanere con il ricordo nostalgico di un passato glorioso o anche cadere in atteggiamenti cinici che alimentano la depressione. Oppure possiamo abbracciare la via del necessario rinnovamento e trasformazione che lo Spirito del Signore risorto crea nella Chiesa.

La nostra Congregazione è nata in un’epoca di crisi politica e ha vissuto nel corso della sua storia momenti difficili di persecuzione e ostilità verso la Chiesa e le sue istituzioni. I nostri martiri hanno sopportato la prova ancorati all’amore di Dio e restando fedeli alla Chiesa, così come il nostro Fondatore è rimasto radicato nel Signore e ha proclamato il Vangelo con coraggio. Il radicamento e l’audacia sono componenti essenziali del nostro carisma e oggi ne abbiamo ancora di più bisogno.

Per molti versi, questo Capitolo Generale, come lo abbiamo progettato nell’incontro con i Superiori Maggiori a Talagante nel gennaio 2020, è diverso da quello a cui siamo stati abituati in passato. Ci vuole tempo e sforzi per cambiare il nostro modo di pensare e agire.

Ci possono essere alcuni ostacoli iniziali per abituarsi ai media elettronici e online ed evitare l’uso di documenti. Quando condivideremo le nostre lotte e cammineremo insieme sulla nostra strada, il cammino stesso renderà il pellegrinaggio una bella esperienza di cammino nel Signore.

Cari confratelli, avete partecipato attivamente alla preparazione di questo Capitolo attraverso le conversazioni generatrici che abbiamo avuto a diversi livelli nonostante i limiti imposti dalla pandemia. Conversazioni sincere innaffiano i semi della speranza dentro di noi e ci permettono di affrontare momenti difficili abbracciando un processo di trasformazione.

Ci sono alcuni sintomi di disagio nel nostro corpo congregazionale che non dovremmo ignorare. Le statistiche mostrano un calo del numero di clarettiani dopo circa vent’anni di stabilità. Anche dopo una vigorosa riorganizzazione, molti dei nostri Organismi non sono in grado di continuare a lungo con i loro apostolati.

Abbiamo ancora un numero significativo di clarettiani che chiedono dispense e secolarizzazioni dopo molti anni di vita clarettiana. I lunghi anni di dipendenza economica dagli Organismi Maggiori per le spese regolari sollevano anche interrogativi sulla responsabilità e sulla formazione.

Siamo preoccupati per il modo in cui viviamo l’unità nella diversità di età, personalità e cultura. Ci chiediamo che cosa accadrà ai giovani nel corso di un decennio di esclusiva dedizione alla formazione iniziale in vista della loro vita futura e del loro ministero e come ogni clarettiano si prenda cura dello svolgimento del proprio ministero unico man mano che invecchia.

Soprattutto, la questione cruciale è come la nostra vita personale, la nostra comunità e le nostre piattaforme di evangelizzazione fanno conoscere Cristo e irradiano la gioia del Vangelo. Un Capitolo Generale è un evento pentecostale congregazionale. È un momento speciale dello Spirito Santo e di noi (cfr Atti 15,28) in un bel tempo di co-creazione. Non è un evento chiuso, ma una fase trasformativa nella vita di una Congregazione.

È utile distinguere due livelli di cambiamento ai quali dobbiamo essere aperti durante il processo del capitolo. Uno è attraverso la pianificazione strategica per affrontare molte questioni che riteniamo importanti. Ad esempio, possiamo prendere in considerazione la possibilità di prestare maggiore attenzione ed energia alla promozione professionale, un maggiore coordinamento dell’apostolato dell’istruzione, o piani migliori per gli anziani, ecc. La pianificazione strategica è necessaria per abbordare i vari compiti, ma non è sufficiente in tempi di cambiamenti epocali.

Una dimensione più profonda del cambiamento è la dinamica della trasformazione. Non si tratta solo di pianificare strategie di adattamento. Come possiamo diventare un’espressione coraggiosa, nuova e aggiornata della gioia evangelica nel nostro tempo?

Sono convinto che, come individui e come comunità, dobbiamo aprirci a un serio lavoro di trasformazione interiore che non può essere sostituito da cambiamenti cosmetici nei comportamenti esterni. Cosa comporta questa trasformazione? Le persone possono percepirlo a causa degli effetti che ha sulle persone e sulle comunità.

È catturare il fuoco che brucia dentro di noi senza bruciarci e spargere quel fuoco ovunque andiamo. È questa trasformazione che le persone percepivano nel piccolo gruppo di discepoli che andarono a predicare il Vangelo dopo Pentecoste. È questa stessa trasformazione che la gente ha visto in Claret e nei suoi compagni quando uscivano per predicare le missioni.

Per noi clarettiani, trasformazione significa essere uomini che bruciano nella carità e bruciano dove passano. Niente ci arresta… Immaginiamo questa definizione del missionario che ci ha dato Claret rendendolo vita nella nostra vita personale, nelle relazioni interpersonali e negli apostolati. Quando quel fuoco interiore si accenderà, ci illuminerà la strada.

I numeri sono importanti. Le istituzioni sono necessarie. Quando i nostri numeri diminuiscono e le istituzioni devono essere chiuse, è naturale che ci preoccupiamo. Tuttavia, sarei più preoccupato se il fuoco dell’amore che brucia in ognuno di noi e nelle nostre istituzioni si spegnesse.

Claret voleva che vivessimo e amassimo come fece Gesù. Il processo di trasformazione nella vita di ogni persona e nella vita comunitaria è un itinerario progressivo e a spirale che dovrebbe allinearsi al cammino dei nostri simili nell’unico pellegrinaggio dell’umanità verso la pienezza della vita e dell’amore.

Possiamo immaginarlo insieme a Papa Francesco che, nell’enciclica Fratelli Tutti, ci ha chiamati a lavorare per un mondo nuovo in cui siamo tutti fratelli?

Vi invito ad arricchire il Capitolo con la vostra partecipazione attiva e responsabile attraverso conversazioni sincere. Vi auguro di tornare nelle vostre comunità dopo il Capitolo con un’esperienza trasformante, come è accaduto ai discepoli mentre si recavano a Emmaus.

Cari confratelli, apriamoci all’effusione dello Spirito nei nostri cuori e nel cuore della nostra comunità capitolare. Il resto sono le sorprese dello Spirito del Signore risorto.

Dichiaro aperto il XXVI Capitolo Generale.

Mathew Vattamattam, CMF

15 agosto 2021

Categorie

Archivio

Novena al Cuore Immacolato di Maria 2022

Novena al Cuore Immacolato di Maria 2022

Il XXVI Capitolo Generale assunse questo impegno: “Intensificar la dimensione cordimariana della nostra spiritualità: confessione di Dio, rivoluzione della tenerezza (cf- EG 88, 288), speranza dei popoli e sogno di un mondo nuovo. Praticheremo con creatività le...

claretian martyrs icon
Clotet Year - Año Clotet
global citizen

Documents – Documentos