«Commuove vedere bambini inzuppati dalla pioggia e con le piaghe ai piedi»

Gen 20, 2021 | Centroamérica, JPIC, MICLA, Solidarietà e missione

Izabal, Guatemala. Ancora una volta, quasi novemila persone hanno iniziato l’esodo dalle terre honduregne. La realtà dell’estrema precarietà economica affrontata da gran parte della regione centroamericana è stata esacerbata negli ultimi mesi, sia dalla crisi economica che è stata causata dalla pandemia del COVID-19, sia dalla devastazione causata dagli uragani Iota ed Eta. Inoltre, la popolazione è minacciata da un clima di violenza diffusa, disoccupazione e crescente repressione statale.

Nei giorni in cui avanzava, lungo il territorio honduregno e guatemalteco, la carovana ha già incontrato situazioni di tensione e smarrimento. La crisi ha una portata regionale, poiché il flusso migratorio provoca reazioni contrastanti nei paesi che i migranti attraversano o si aspettano di raggiungere.

Tra le persone che compongono la carovana ci sono molti minori e anziani. Ci sono anche intere famiglie che hanno scelto di lasciare il loro paese d’origine, avendo perso tutto. La maggior parte delle persone ha fame e non sa dove andare a pernottare o dove può ottenere assistenza sanitaria o civile. Tuttavia, la Chiesa opera nell’unità e nella collaborazione, attraverso le Case dei Migranti del Guatemala e del Messico, nonché attraverso le reti di solidarietà della Vita Religiosa e della società civile.

Anche i nostri confratelli della Provincia dell’America Centrale, in particolare quelli della comunità di Semají, Izabal, Guatemala, fanno parte di questa rete di solidarietà che accoglie e offre aiuto, cibo e riparo ai fratelli e alle sorelle migranti. “È possibile vedere i bambini immersi nella pioggia e con le piaghe in piedi”, ha detto il nostro confratello P. José Abel Carbajal Calles, cmf, membro di quella comunità, che, insieme agli altri confratelli e membri della parrocchia, serve diversi gruppi che riescono a eludere le recinzioni militari con il fermo scopo di raggiungere il confine e poter attraversare il Messico.

Certamente ci sono preoccupazioni per le misure di “stato di prevenzione” emanate dal governo e per le azioni della polizia che cerca di disperdere i migranti, anche usando la violenza e non rispettando i diritti delle persone. Tuttavia, i nostri confratelli continuano ad unirsi all’appello affinché ogni governo della regione, di fronte alle carovane dell’esodo centroamericano, possa garantire i loro diritti e soddisfare le loro esigenze umanitarie.

 

[envira-gallery id=”94815″]

Categorie

Archivio

Nuovo Governo Provinciale del Perù-Bolivia 2022 – 2028

Nuovo Governo Provinciale del Perù-Bolivia 2022 – 2028

Chaclacayo, Perù. Giovedì 4 agosto 2022, i membri del III Capitolo Provinciale della Provincia Clarettiana del Perù-Bolivia hanno eletto coloro che completeranno il Governo Provinciale che guiderà la Provincia nella concretizzazione del Sogno della Congregazione in...

claretian martyrs icon
Clotet Year - Año Clotet
global citizen

Documents – Documentos