MEMORIA DEI BEATI MARTIRI CLARETTIANI NELL’ ANNO DEL 150° ANNIVERSARIO DELLA MORTE DEL CLARET

Gen 30, 2020 | Bacheca

1 FEBBRAIO 2020

Per il secondo anno celebreremo in tutta la Congregazione la memoria liturgica del Beato Felipe de Jesús Munárriz Azcona, presbitero e compagni, religiosi e martiri. Come sappiamo, questa memoria obbligatoria commemora insieme i 184 martiri clarettiani che sono stati beatificati finora. Ricordiamo, quindi, seguendo l’ordine cronologico delle beatificazioni, i 51 martiri di Barbastro (25 ottobre 1992), il beato Andrés Solá Molist (20 novembre 2005), i 23 beati martiri di Tarragona (13 ottobre del 2013) ed i 109 beatificati a Barcellona (22 ottobre 2017). Insieme a loro, celebriamo anche la memoria della Beata Maria Patrocinio Giner, missionaria clarettiana, martire (beatificata l’11 marzo 2001). Dovrà passare un po’ di tempo fino a quando questo ricordo non attecchirà tra noi poiché le solennità del Cuore di Maria, di Sant’Antonio Maria Claret e la festa della Madonna del Carmine sono state radicate già dalla fondazione della Congregazione.
L’elezione della data del 1° febbraio è dovuta a vari motivi. Uno – forse il più superficiale – è stato quello di distribuire le varie commemorazioni durante tutto l’anno, in modo che la liturgia contribuisse ad alimentare la fiamma della nostra vocazione missionaria. Un altro – il più decisivo – fu quello di abbinare la memoria dei Beati Martiri alla data dell’attentato che Claret subì a Holguin (Cuba) il 1° febbraio 1856. L’Anno Clarettiano ricorda anche questo evento nella sezione dedicata alle biografie. Sebbene il nostro Fondatore non sia morto martire, come era suo desiderio, la sua spiritualità missionaria si trasforma nel desiderio di configurarsi con il Cristo che soffre e muore per amore. Pertanto, lo spargimento di sangue a Holguin ha avuto un grande significato per lui: “Non posso spiegare il piacere, la gioia e l’allegria che la mia anima provava, visto che avevo raggiunto ciò che desideravo così tanto, che era versare il sangue per amore di Gesù e Maria e poter sigillare con il sangue delle mie vene le verità evangeliche” (Aut 577).

In realtà, i desideri del martirio venivano da molto lontano. Negli ultimi anni delle sue campagne missionarie in Catalogna, ha sperimentato i problemi della situazione sociale. In quel contesto, ha scritto: “Nel mezzo di queste alternative, è successo di tutto: ho avuto dei bei momenti, altri molto amari in cui mi era di peso la vita stessa. E allora il mio unico pensiero e i miei discorsi erano del cielo, e questo mi ha confortato e incoraggiato molto. Di solito non rifiutavo le pene; al contrario, le amavo e volevo morire per Gesù Cristo” (Aut 465). Poco prima, il 22 luglio 1844, in una lettera a Cipriano Sánchez Varela, vescovo di Plasencia, egli afferma: “Senza pene e persecuzioni non posso vivere” (CE, I, p. 135). E alla fine del 1852 allude espressamente ai suoi desideri di martirio: “Vorrei soffrire il martirio e, quindi, le pene che soffrirò già sono in questa preparazione”.

Due anni prima della sua morte, il 22 giugno 1868, insiste sulla stessa cosa: “Più tardi, tutta la notte ho sognato e desiderato il martirio. Con la luce vidi che c’erano tre rigonfiamenti neri, come tre uomini, che erano tre demoni o tre nemici che cercavano la mia morte. Desidero molto soffrire il martirio” (Luci e grazie, 1868). Ricordando gli anni trascorsi alla corte di Madrid, scrive da Roma al suo amico D. Dionisio González il 26 maggio 1869: “Ho sofferto dodici anni di martirio” (EC, II, p. 1391). La sua morte nel monastero cistercense di Fontfroide chiude un ciclo terreno caratterizzato da persecuzioni esterne e configurazione interna con il Cristo perseguitato e morto sulla croce. Nella sua definizione del missionario, i cinque verbi pasquali (godere, abbordare, abbracciare, indulgere e gioire) si alleano con i cinque sostantivi martiriali (privazione, lavoro, sacrificio, calunnia e tormento) per formare una bella sintesi della spiritualità missionaria. Claret, come un buon figlio del Cuore Immacolato di Maria, non pensa alla fine, ma a “come continuerà e imiterà Gesù Cristo [pregando], lavorando e soffrendo e sempre e solo cercando la più grande gloria di Dio e la salvezza del anime ”(Aut 494).

Il 25 gennaio, nella nostra Basilica del Cuore di Maria di Santiago del Cile, il P. Generale ha aperto ufficialmente la celebrazione del 150° anniversario della morte del Claret, che si chiuderà a Vic il 24 ottobre. Celebrare quest’anno il ricordo dei nostri Beati Martiri nell’ambito di questo anniversario ci aiuta a ringraziare Dio per le vite di coloro che hanno vissuto fino alla fine la Definizione del Missionario e ad animare la nostra fedeltà vocazionale in tempi difficili. In alcuni paesi del mondo (Corea del Nord, Afghanistan, Somalia, Libia, Pakistan e molti altri), i cristiani sono perseguitati e alcuni martirizzati. Il ricordo dei nostri Beati Martiri è un’occasione per pregare per loro e promuovere iniziative di dialogo interreligioso e rispetto per il pluralismo. In tutti i luoghi la fede in Gesù è controculturale e causa rifiuto quando è in conflitto con gli interessi di persone, istituzioni e stati.

Ricordare i nostri Beati Martiri – e, in essi, tutti coloro che hanno versato il loro sangue per Cristo nella nostra Congregazione – significa anche prepararci per una vita missionaria più autentica, che non si allontana dalle difficoltà presentate oggi all’evangelizzazione, ma piuttosto credere nella forza trasformatrice della testimonianza. Non tutti siamo chiamati ad essere martiri che hanno versato il loro sangue, ma tutti siamo chiamati ad essere testimoni e messaggeri della gioia del Vangelo nel tessuto della vita quotidiana. L’ Anno Clarettiano che abbiamo iniziato il 1° gennaio ci sta aiutando a ricordare che molti clarettiani furono significativi durante la storia nei più diversi servizi missionari.

Affidiamo l’intercessione dei Beati Martiri Clarettiani a tutta la Congregazione e, in particolare, a coloro che, a causa di malattia, età o qualche tipo di crisi, stanno soffrendo, “sapendo che con le nostre condizioni fisiche completiamo ciò che manca alla passione di Cristo”(CC 45).

 

P. Gonzalo Fernández, CMF

Prefetto Generale di Spiritualità

 

MATERIALS/LITURGY:

http://www.itercmf.org/claretian-feast-days/memoria-of-the-blessed-claretian-martyrs/?lang=en

Categorie

Archivio

Giorno della Missione Clarettiana 2022

Giorno della Missione Clarettiana 2022

Roma, 24 aprile 2022 Cari amici, Saluti della Gioia della Pasqua! L'evento della Pasqua ci spinge a mantenere vive le nostre speranze per perseguire il sogno di Dio per l'umanita che Gesu ha annunciate come il Regno di Dio (Mt 3, 2). Non abbandoniamo la speranza in...

L’AUDACIA DELLA PASQUA

L’AUDACIA DELLA PASQUA

Il nostro recente XXVI Capitolo Generale ci invita a vivere "radicati in Cristo e audaci nella missione". Sogniamo una Congregazione pellegrina, radicata nella fede in Gesù Cristo e nella spiritualità clarettiana (QC 43). La Pasqua richiama il fondamento della nostra...

claretian martyrs icon
Clotet Year - Año Clotet
global citizen

Documents – Documentos