Un audace viaggio in Ucraina

Apr 3, 2022 | Clarettiani oggi, Polska

Boryslav, Ucraina. Offriamo ora informazioni sul viaggio del Superiore Provinciale, dell’Economo e del Segretario della Polonia in Ucraina dal 29 al 30 marzo 2022:

Il 29 e 30 marzo 2022, insieme all’Economo Provinciale, P. Tadeusz Lihs, CMF, e al Segretario Provinciale, P. Łukasz Przybyło, CMF, siamo andati in Ucraina. In effetti, il nostro viaggio in Ucraina era già iniziato prima, perché includeva l’acquisto e la preparazione degli articoli più necessari, non solo per coloro che sono direttamente aiutati dai nostri confratelli e suore (Piccole Serve dell’Immacolata Concezione), ma anche per l’ospedale Boryslav e coloro che sono direttamente al fronte (soldati, tra gli altri). P. Tadeusz e i suoi innumerevoli volontari erano responsabili di tutto questo. Per alcuni articoli, come cibo, prodotti chimici o dolci, era sufficiente andare in un negozio o in un grossista; altri, come gli articoli medici, dovevano essere ordinati in anticipo, e per l’acquisto di altri, come un generatore di elettricità, era quasi un miracolo, perché semplicemente non erano disponibili nei negozi.

“Il miracolo” consisteva nel diffondere la notizia della necessità di acquistare un tale generatore tra amici (qui ancora una volta l’aiuto di FaceBook è stato inestimabile) e si è scoperto che qualcuno conosce un direttore di un ospedale che ha appena ricevuto un tale generatore ed è disposto a rivenderlo, e per le esigenze di questo ospedale può essere acquistato in futuro. Questa è un’ulteriore prova della grande gentilezza di molte persone che cercano di aiutare il popolo ucraino.

Dopo aver raccolto tutti gli oggetti necessari, la notte prima della partenza, è iniziato il riempimento dell’autobus e dell’auto con diverse scatole imballate: 700 kg di zucchero, semola, riso, conserve, dolci; medicinali, disinfettanti, bende, torce elettriche, batterie, materassi, coperte… (spero di non aver dimenticato qualcosa), e in totale c’erano quasi 2 tonnellate di tutto! Grazie all’aiuto dei volontari della nostra parrocchia di Lodz, l’imballaggio è andato liscio. Dopo aver imballato tutti i regali, c’era poco tempo per dormire, poiché la partenza era prevista per le 4 del mattino.

Puntualmente alle 4.00 lasciamo Łódź in direzione del valico di frontiera di Kroscienko. Questo è il valico di frontiera più piccolo ed è per questo che lo abbiamo scelto: è quello scelto dal minor numero di persone, quindi c’è più possibilità di attraversare rapidamente il confine. Come previsto, dopo circa 7 ore di strada siamo arrivati al valico di frontiera. Con nostra sorpresa, si è scoperto che era ancora più silenzioso di quanto ci aspettassimo. A parte una dozzina di tende e diverse organizzazioni umanitarie, non c’era praticamente nessuna coda né sul lato polacco né su quello ucraino. Quindi eccoci in Ucraina.

Stranamente, veloci e senza problemi – come se non ci fosse la guerra – siamo passati per la strada per Boryslav, con una fermata per ricaricare l’autobus proprio al confine. Da quel momento siamo stati “scortati” dal parroco, padre Krzysztof Łabędź CMF. Solo le barricate smantellate agli ingressi di città e paesi indicano che c’è una guerra. Abbiamo notato che i nomi delle città e i cartelli erano oscurati per rendere difficile individuare potenziali “ospiti” dalla Russia. Oltre a questo, pace e tranquillità; la vita scorre pigramente nelle città che attraversiamo durante la guida.

Le suore vivono a Boryslav – la nostra seconda parrocchia vicino a Truskavets – ed è qui che si trova il punto di scarico e ricarico dei prodotti dalla Polonia. Ancora una volta abbiamo avuto l’opportunità di esercitare i nostri muscoli – nell’ultimo scarico. Tutto è andato molto bene: si può vedere l’esperienza che abbiamo acquisito nelle ultime settimane. Suor Teresa si vantava che il suo record di scarico di 20 tonnellate di camion era di 3 ore. Tutte le cose sono disposte secondo il loro scopo: alcune per i rifugiati che vivevano a Boryslav e Truskavets, altre per gli ospedali, altre per i soldati del fronte o per i civili che vi sono rimasti; e naturalmente i generatori per l’ospedale e per i nostri confratelli.

Poi siamo andati a Truskavets per l’Eucaristia; poi abbiamo pranzato e siamo usciti per una breve passeggiata. Per chi non lo sapesse: Truskavets è una città termale, con molti sanatori, che durante la guerra sono stati convertiti in hotel per i rifugiati più ricchi dell’Ucraina orientale. I nostri confratelli dicono che attualmente tutti i sanatori sono pieni: 35.000 persone. Questo può essere visto anche per le strade. Ma qui non si vede davvero che c’è una guerra: negozi e ristoranti sono aperti; si vedono code per il caffè; molti camminatori pigri. Il fatto che ci sia una guerra è stato ricordato dal suono delle sirene di tanto in tanto che segnalavano un razzo sparato da qualche parte. Questi suoni di avvertimento ci impressionano molto, li sentiamo sempre, ma a parte noi a nessuno importa troppo. Anche se sicuramente ogni persona all’interno è spaventata dal fatto che un altro razzo vola dalla Russia o dalla Bielorussia per uccidere persone innocenti, connazionali …

Nel pomeriggio incontriamo Yura, un’ucraino che qualche anno fa era nel noviziato della nostra congregazione e che oggi presta servizio nell’esercito ucraino. Pochi giorni fa è stato ferito e portato a Truskavets per la convalescenza. Quanto è piccolo il mondo… Mentre mi dirigevo verso di lui, ho pensato che Yura fosse probabilmente distrutto o rattristato dalle sue ferite, ed ecco davanti a noi, un uomo sorridente che dice con voce fiduciosa che, non appena si riprenderà, tornerà al fronte per continuare a combattere. E aggiunge con voce fiduciosa: “Vinceremo, perché non siamo noi che abbiamo iniziato questa guerra e siamo a casa”. La conversazione è andata avanti a lungo: sulla vita al fronte, su come è stato ferito, sulla fede, sul futuro, su sua madre che eroicamente porta aiuto nella città di Sumy. Parliamo anche con un uomo più anziano, Nicholas – anche lui un soldato ferito – che viene da Mariupol. Ha detto che sua moglie non voleva andarsene e lui è andato a combattere. Quando gli abbiamo detto che eravamo sacerdoti, ha dichiarato di non essere un credente; tuttavia, si è fatto il segno della croce e ha detto che sua nonna lo aveva battezzato e che era una donna forte e saggia. Come le nostre nonne, giusto?

Dopo una giornata eccezionalmente lunga e ricca di eventi, siamo tornati a casa e abbiamo chiacchierato per un po’ con i nostri confratelli. Siamo molto incoraggiati dal loro impegno, dalla loro dedizione nell’aiutare i rifugiati, ma anche dalla loro dichiarazione di non muoversi, qualunque cosa accada.

La notte è passata con il rumore della pioggia che cade e le sirene che suonano di tanto in tanto, in piena oscurità, perché c’è un blackout obbligatorio in città – dopo la mezzanotte tutte le luci della città sono spente per rendere difficile localizzarle in un possibile tentativo di attacco aereo.

Al mattino partiamo per Boryslav, dove giriamo video e scattiamo foto; poi l’Eucaristia e il viaggio verso l’ospedale pediatrico, dove abbiamo donato il famoso generatore di elettricità. Per noi è “solo” un generatore, ma per il personale medico e i pazienti è una questione di vita o di morte nella situazione attuale. Anche il vicesindaco della città è venuto a ringraziarci personalmente per questo dono. Anche questo è stato inciso su pellicola. Grazie a Dio siamo riusciti ad essere un’estensione delle mani di tante persone generose!

Salutiamo i nostri confratelli e le suore, perché è tempo di partire per il nostro viaggio di ritorno. Addio, Ucraina! O meglio, “a presto”, dal momento che alcuni di noi hanno intenzione di venire con un altro “lotto” di regali.

Anche se siamo stati in Ucraina per meno di 24 ore e non abbiamo visto la vera guerra del fronte. Molte persone a cui raccontiamo questo viaggio ci vedono come una sorta di eroi, cosa che non siamo. Gli eroi sono quelli che sono rimasti lì, combattendo gli invasori russi. Gli eroi sono il personale medico, le innumerevoli suore e sacerdoti, e le persone normali che rischiano la vita per portare beni di prima necessità nelle zone di combattimento. Gli eroi sono quelli che portano donne e bambini fuori dalle città bombardate, spesso rischiando e perdendo la vita, perché i russi sparano anche ai civili, ad esempio quelli che fanno la fila per comprare il pane. Queste sono le storie che i piloti ci raccontano; le conosciamo anche dalle notizie. Sono queste le storie raccontate dalle suore e dai clarettiani che ogni giorno incontrano i testimoni di questa tragedia.

Molte grazie a tutti coloro che ci hanno permesso di andare, cioè, a tutti i donatori della CMF e ai laici. Vogliamo ringraziare tutti i volontari che, nonostante i loro obblighi quotidiani, hanno dedicato il loro tempo libero all’acquisto, allo smistamento e al confezionamento di tutti i prodotti che portiamo in Ucraina. Infine, ringraziamo coloro che sono al fronte, in prima linea: le suore, i nostri confratelli e tutti i funzionari delle città di Boryslav e Truskavets che coordinano le attività in modo così efficace.

È bello vedere e sapere quanta bontà esce dai vostri cuori. Grazie a Dio per tutti voi.

P. Piotr Bęza, CMF, Provinciale di Polonia

Categorie

Archivio

Quinto trasporto umanitario in Ucraina

Quinto trasporto umanitario in Ucraina

Truskavets, Ucraina. Ancora una volta vi raccontiamo le ultime notizie sugli aiuti umanitari in Ucraina dai nostri fratelli della Provincia Polacca: Cari fratelli, benefattori e amici Sono tornato di recente dal mio quinto viaggio con un'auto completamente carica di...

claretian martyrs icon
Clotet Year - Año Clotet
global citizen

Documents – Documentos